Layout

Cpanel

Prima i territori, poi gli investitori

Prima i territori, poi gli investitori
Prima i territori, poi gli investitori

Questa campagna elettorale sta evidenziando una triste tendenza degli ultimi anni da parte di una certa politica, soprattutto quella che si definisce "tecnica".
Lo spread, gli interessi sui titoli di stato, la fiducia e la variazione del rating assegnato dalle agenzie finanziarie internazionali (private) occupano sui mezzi di informazione lo spazio che, a mio parere, dovrebbero occupare i dati sulla disoccupazione, quelli sulle cessate partite IVA e sul tenore di vita della nostra gente rispetto alla soglia di povertà.

Io lavoro costantemente, alla guida della Regione Piemonte, per sostenere il lavoro e la crescita defiscalizzando quanto più possibile le assunzioni e la produttività. Non è facile a causa dello scarso margine di manovra della leva fiscale regionale e della difficile situazione economica dell'Ente, ma non mollo e il lavoro fatto lo dimostra.

E Monti e Bersani di cosa parlano? Del rischio di "perdere la fiducia" degli investitori internazionali, di quello dell'aumento del tasso di interesse dei nostri titoli di stato e dello spread e del pericolo di vedere tagliato il nostro rating o l'outlook.
E i nostri giovani senza lavoro, i nostri imprenditori che si suicidano, le nostre famiglie in crisi?

L'economia reale deve tornare ad essere il nostro unico parametro di valutazione, il lavoro il nostro unico obbiettivo. L'Euroregione del Nord è una proposta concreta che mette le necessità delle persone davanti a tutto.
Noi cittadini normali non frequentiamo club internazionali che cercano di indirizzare le sorti economico-finanziarie del mondo.
L'unica lobby che noi conosciamo è quella del territorio, la lobby Piemonte.
Dobbiamo lavorare duramente per riportare le cose che contano davvero all'ordine del giorno, per far si che un padre di famiglia in difficoltà faccia più notizia dell'aumento dello spread, che un capo del governo si preoccupi di più di un'impresa che chiude piuttosto che delle dichiarazioni di un qualche banchiere straniero.

Devono venire i territori prima degli investitori.

 
 
Sei qui: Home Rubriche il Punto Prima i territori, poi gli investitori