Layout

Cpanel

Abbazia di Santa Maria Staffarda

Questa settimana andiamo alla riscoperta del territorio del cuneese. Non lontano da Saluzzo troviamo l'Abbazia di Santa Maria Staffarda.

L'Abbazia di Staffarda fu fondata a partire dal 1122 su terreni paludosi donati nei primi anni del XII secolo dal marchese Manfredo I di Saluzzo ai monaci dell'Ordine Cistercense per farne un centro di bonifica della campagna circostante. In pochissimi anni è diventato un centro economico di notevole importanza per la raccolta e lo scambio di prodotti agricoli.

E' composta dalla Chiesa, da un attiguo Chiostro con Refettorio e Sala capitolare e di un edificio coerente con la sede dei Conversi; tutto intorno si trovano altre edificazioni ad uso Foresteria per i pellegrini, un Mercato coperto, e ben 8 cascine a servizio della struttura, ancora oggi funzionanti.

Del complesso vorrei segnalarvi la chiesa che ha una pianta a tre navate, con finto transetto e con absidi semicircolari rivolte ad oriente. L’Abbazia, tipicamente medievale, era difesa da mura che la cingevano e l’ingresso era salvaguardato da una torre segnata da una croce. Vi era un ponte levatoio, come negli antichi castelli. I rari dipinti presenti nell’Abbazia riportano croci templari e denotano un insistente uso dei colori legati all’alchimia (rosso e bianco).

chiesastaffarda.jpg

La visita dell’abbazia consente di osservare elementi interessanti dell’architettura romanica della prima metà del XII secolo e gotica dei secoli XIII-XV, elementi delle trasformazioni di epoca moderna (compresi i contrafforti ad archi rampanti), edifici dell’attività agricola dal XVII secolo.

staffarda.jpg

SCHEDA:

  • COMUNE DI REVELLO

PROVINCIA:

  • CUNEO

COME RAGGIUNGERLO:

 
 
Sei qui: Home Rubriche Alla riscoperta del Piemonte Abbazia di Santa Maria Staffarda