Priorità ai fatti concreti

  • Stampa

LA DOMENICA DEL GOVERNATORE N. 62

zaia-maroni-cota-pontida.jpg

Per quanto riguardo la scelta dei ministri del nuovo governo il Piemonte è stato poco o nulla considerato e questo, ovviamente, mi dispiace. Il fatto che l'esecutivo sia a trazione meridionale non può certo essere utile in un momento in cui il nodo da affrontare è quello del rilancio del sistema produttivo che è al Nord.

C'è un po' di delusione per il risultato dell'operazione fatta a Roma. Da Presidente della Regione cercherò in ogni modo di collaborare nell'interesse del Piemonte.
Nel merito delle cose da fare, la Lega non è entrata nel governo, ma ha indicato tre punti che ritiene fondamentali:
1) il riconoscimento della Macroregione del Nord;
2)il mantenimento del 75% delle entrate tributarie sul territorio;
3) la istituzione di una convenzione per realizzare le riforme.

Abbiamo dato la dimostrazione di non avere a cuore le poltrone. La realizzazione di questi obiettivi avrebbe ricadute sul nostro territorio.
Se vogliamo costruire un futuro migliore dobbiamo avere la responsabilità di parlare di cose concrete. Ad esempio, vedo politici che fanno interviste di maniera sulla situazione del Piemonte senza sapere nemmeno di che cosa parlano.

Questo governo regionale ha salvato il Piemonte dal fallimento rimettendo a posto i conti e facendo le riforme necessarie.
Se si vuole lavorare per il bene comune, facciamolo per davvero, smettendola di vivere la politica come un teatrino.

Buona domenica e buona settimana.