Layout

Cpanel

Senza autonomia del Nord non c'è futuro

cota_maroni_zaia_2.jpgLA DOMENICA DEL GOVERNATORE N. 85

Lo spettacolo della politica romana è desolante. A Roma e dintorni, cioè sui mezzi di informazione che costruiscono il mondo virtuale, festeggiano la permanenza in vita del governo Letta. Viva la stabilità, è la parola d'ordine.

Premetto che non nutro antipatia o preconcetti nei confronti di Letta. Non posso non dire, però, che c'è poco da festeggiare. Questo governo non ha fatto mezza riforma, non ha aggredito, per esempio, il nodo della spesa pubblica statale. In compenso, per finanziare la propria spesa pubblica, ha aumentato le tasse per cittadini ed imprese ed ha tagliato pesantemente i trasferimenti a Regioni ed enti locali.

C'è poco da festeggiare perchè all'orizzonte non si vede nulla di buono, anzi. Nei giorni scorsi in sede di conferenza dei presidenti delle Regioni abbiamo discusso di fondi strutturali. Le uniche risorse che sono rimaste alle Regioni, infatti, arrivano da lì. Ebbene, lo Stato centrale vorrebbe portarci via anche queste!!!

Sull'immigrazione, poi, abbiamo assistito a mesi di polemiche e dichiarazioni fuori luogo. Ed oggi si persevera con l'assurda richiesta di abolire il baluardo rappresentato delle legge Bossi-Fini. Perché non si è lavorato per organizzare il pattugliamento congiunto delle coste nei paesi di provenienza? La soluzione non è certo dire "venite tutti qui", ma non far partire i barconi della morte.
Sarebbe il caso di guardare, tutti insieme, in faccia alla realtà.o.177751.jpg

O il Nord conquista la sua autonomia o non avremo un futuro. Buona domenica e buona settimana.

 
 
Sei qui: Home Rubriche Domenica del Governatore Senza autonomia del Nord non c'è futuro