Resistere é un dovere, senza perdere tempo

  • Stampa

b_350_450_16777215_10___images_loghi_resistere.jpgLA DOMENICA DEL GOVERNATORE N. 101

Occorre uno scatto d'orgoglio, questo non può essere un Paese prigioniero dei Tar, delle carte bollate, delle diatribe giuridiche infinite che prescindono completamente dalla sostanza delle cose. Come è possibile che un Tar annulli le elezioni dopo quattro anni? Come è possibile che le annulli a fronte di voti veri perchè il risultato delle elezioni non è mai stato in discussione? Come è possibile che chi presenta ricorso ed invoca il rispetto della legalità abbia commesso irregolarità peggiori? Come è possibile che queste storie legate a delle liste vengano tirate fuori proditoriamente per mandare a casa questo governo regionale e non si dica niente delle vicende che hanno riguardato, ad esempio, le ultime elezioni comunali di Torino?
Non cerco vendette, dico, anzi, che una volta per tutte questo scempio delle carte bollate deve essere fermato. Prima di tutto va ribadito che il voto espresso, una volta ammesse le liste, è sacro.

Poi, si applichino le leggi con un minimo, dico un minimo, di equilibrio! Non c'è bisogno di scrivere un trattato per capire che chi ha messo una croce su un simbolo dove la parola più grande era Cota, volesse votare per Cota.
Non prendiamoci in giro, per favore! Così come chi ha tracciato la croce sulla lista Pensionati ed Invalidi per Bresso voleva votare Bresso.

Leggi contorte? No, menti contorte! Ne hanno inventate di tutti i colori per tenere in piedi un ricorso che non doveva neanche essere presentato e che, quanto al risultato complessivo delle elezioni, andava respinto in cinque minuti! Ho assistito, allibito, a tutte le fasi di questi assurdi ricorsi, compreso il pronunciamento della Corte Costituzionale, disatteso pur di costruire il percorso diabolico per darci torto. Resistere contro questa vergognosa sentenza è un dovere, senza perdere tempo, perchè non si tratta di stabilire chi sia il giurista più bravo, ma di difendere i diritti di milioni di Piemontesi.

Buona domenica e buona settimana.