Layout

Cpanel

Doccia gelata sui malati di SLA

Vi ricordate tutti quando Renzi questa estate si è fatto la doccia gelata a favore della Sla? Tutto il teatrino mediatico si era mobilitato e chi non ne era parte recitava il ruolo dello sfigato.
Il risultato quale è stato? Il governo, invece di aumentare, ha ridotto i fondi per le non autosufficienze. La gigantesca presa in giro della politica fatta solo di apparenza è andata in scena ancora una volta, questa volta sulla pelle dei malati di Sla.
Si dirà che mancano i soldi, è vero. Che non si può fare tutto, è altrettanto vero. Quello che fa riflettere però è il fatto di aver detto una cosa proprio mentre si stava facendo esattamente il contrario.
Questo è francamente lo schema generale, posto che, al di là delle parole, la pressione fiscale non accenna a diminuire.

A ciò si aggiunge la lista di priorità di fronte alle emergenze, dove si trovano sempre risorse per gestire una politica fallimentare dell'immigrazione e si tolgono per la nostra gente.
Alla Leopolda si parla di futuro. Quale? Un futuro dove i nostri giovani scappano all'estero e i clandestini arrivano indisturbati?
Buona domenica e buona settimana.

 
 
Sei qui: Home Rubriche Domenica di Roberto Cota Doccia gelata sui malati di SLA