Per sinistra 25 Aprile vetrina per attaccarci

  • Stampa

È stato vergognoso l'utilizzo del 25 Aprile da parte della sinistra e dei paludati esponenti del Governo, per loro solo una vetrina per parlare a sproposito di fascismo, di immigrazione, per prendersela con la Lega e con la Comunità Ebraica.

Lo dice Roberto Cota, Segretario della Lega Nord Piemonte, nella sua rubrica domenicale commentando la ricorrenza della Festa della Liberazione.

Cosa rappresenta oggi il 25 aprile? Già risulterebbe difficile rispondere alla domanda a causa del trascorrere del tempo che, inevitabilmente, modifica la dimensione delle cose. Il tasso di ipocrisia, luoghi comuni ed omologazione che caratterizza la nostra politica, pero', è un ulteriore elemento di confusione.
Ecco, allora, una prima degenerazione, l'utilizzo di questa "festa" da parte della sinistra e di paludati esponenti del Governo come occasione di vetrina per dire cose più o meno ovvie o completamente fuori contesto. Ma ai giorni nostri il 25 Aprile è andato incontro ad un cortocircuito completo. E' diventato occasione di delirio, intolleranza, violenza e minaccia da parte di alcune frange della sinistra, centri sociali e antagonisti. Parlano a sproposito di fascismo, di immigrazione, se la prendono con la Lega, con la Comunità Ebraica ed altri. Di questo passo il processo di evoluzione sarà compiuto. Scomparsi i protagonisti del passato, in piazza al 25 Aprile troveremo solo chi calpesta i valori della Libertà e della Democrazia e minaccia chi li difende.
Buona domenica e buona settimana.