Layout

Cpanel

PRONTO INTERVENTO: SBLOCCATI 3 MILIONI DI EURO PER 99 COMUNI PIEMONTESI
Cota e Quaglia: “Al via 114 interventi per il ripristino di frane, rete fognaria, viabilità e torrenti”

Per riparare i danni delle forti precipitazioni che si sono abbattute sul Piemonte nei mesi scorsi, la Regione Piemonte ha sbloccato 3 milioni e 300 mila euro a favore di 99 Comuni, permettendo di dare corso alle ordinanze sindacali e agli interventi più urgenti per la messa in sicurezza del territorio.

Lo annunciano il presidente della Regione, Roberto Cota, e l’assessore regionale alle Opere pubbliche, Giovanna Quaglia, dopo l’approvazione del programma di lavori di pronto intervento e di ripristino dei danni causati da calamità naturali, in particolare nel periodo compreso tra dicembre 2013 e marzo 2014, che consentirà di dare il via, entro 60 giorni, a 114 interventi sul territorio regionale. (in allegato il dettaglio degli interventi, suddiviso per provincia).

Si tratta principalmente di danni alla viabilità comunale e a frane che, in alcuni casi, hanno interessato frazioni abitate, di crolli di massi su frazioni abitate, di erosioni delle sponde e di allagamenti di fiumi o torrenti minori.

“La Giunta regionale - commenta il presidente Roberto Cota - risponde ancora una volta con le proprie forze, ovvero con fondi regionali, alle emergenze segnalate dai Comuni. Ci dimostriamo concretamente vicini ai nostri Sindaci, che meritano attenzione perché sempre in prima linea per la difesa del proprio territorio, insieme ai volontari della Protezione Civile che ringrazio sempre per il loro prezioso impegno”.

“L’ intervento – aggiunge Giovanna Quaglia - non è sufficiente a soddisfare tutte le segnalazioni di danni ricevute, ma per ora risponde concretamente a quelle considerate di somma urgenza, accertate con i sopralluoghi effettuati in questi mesi, oltre agli interventi urgenti per l’incolumità e l’igiene pubblica, non attuati dalle amministrazioni per mancanza di risorse. Per completare il programma attendiamo un riscontro positivo dal Dipartimento della Protezione Civile, a cui è stata inoltrata richiesta di riconoscimento dello stato di calamità per i territori colpiti”.

COTA E RAVELLO: “13,5 MILIONI PER ACQUISTARE AUTOBUS ELETTRICI
E COMBATTERE L’INQUINAMENTO ATMOSFERICO”

Nuova iniziativa della Regione per migliorare la qualità dell’aria che respirano i piemontesi: è stata deliberata l’emissione di un bando che stanzia 13,5 milioni di euro per l’acquisto di autobus elettrici destinati al trasporto pubblico locale.
Potranno presentare domanda di contributo le aziende che effettuano trasporto di linea nei circa 700 Comuni piemontesi, tra cui quelli dell’area metropolitana torinese e tutti i capoluoghi di provincia, dove nel triennio 2010-2012 l’Agenzia regionale per l’ambiente ha rilevato oltre 35 superamenti all'anno del valore limite giornaliero delle polveri sottili (50 microgrammi per metro cubo). La Regione finanzia il 90% della spesa sostenuta per ogni mezzo, per un importo massimo di 400.000 euro oltre Iva.
“Il tema dei superamenti dei limiti previsti dalla normativa sulla qualità dell’aria è ormai noto - ha rilevato questa mattina il presidente della Regione, Roberto Cota, durante la presentazione del bando - Così come il fatto che le condizioni meteo-climatiche che caratterizzano la Pianura padana rendono difficile la dispersione delle polveri sottili. Per questo, è fondamentale intervenire con misure strutturali, tra le quali il rinnovo del parco mezzi del trasporto pubblico”.
“Abbiamo ritenuto di destinare questi 13,5 milioni di euro - ha puntualizzato l’assessore regionale all’Ambiente, Roberto Ravello - per intervenire sulle zone del Piemonte che nel tempo hanno dimostrato delle criticità e testimoniare ancora una volta l’attenzione della Regione su un tema delicato come la qualità dell’aria che respiriamo. Questa misura rientra nelle indicazioni che la Commissione Europea ha elaborato nel libro bianco ‘Per una politica dei trasporti competitiva e sostenibile’, dove l’elettricità viene individuata come una delle principali opzioni disponibili per sostituire il petrolio. Oltre ad avere un’importante valenza ambientale, il bando contribuirà a rafforzare un comparto produttivo che vive un momento di difficoltà”.
L’assessore Ravello ha poi voluto ricordare alcune delle numerose misure avviate in questi anni dalla Regione pur in un contesto finanziario difficile: “Siamo riusciti a stanziare quasi 15 milioni di euro per dotare di filtri antiparticolato circa 800 autobus Euro II, Euro III ed Euro IV, riducendo così di quasi il 95%, ovvero circa 20 milioni di tonnellate annue, le emissioni di polveri sottili dei mezzi che li installano; abbiamo sostenuto con un contributo di circa 5 milioni la sostituzione delle termovalvole. E non abbiamo dimenticato la necessità di mantenere e potenziare la rete di monitoraggio: con un investimento di 3,5 milioni è stato attivato un Sistema regionale di rilevamento della qualità dell’aria di cui fanno parte 62 stazioni pubbliche di rilevamento e 20 stazioni private”.

"Nessun organismo regionale è stato avvertito dell’arrivo ieri in Piemonte di un aereo carico di immigrati arrivati clandestinamente. Si tratta di un fatto molto grave, anche perché gli amministratori locali segnalano una serie di problematiche sul territorio. Questi sono i bei regali che ci fa Roma e ora vorrei sapere se e quanti ne intendono portare ancora".

Lo dichiara il Presidente della Regione Piemonte Roberto COTA.

Leggi tutto: Turismo, il Piemonte continua a crescere“Il fatturato delle imprese turistiche piemontesi è cresciuto nel 2013, così come è cresciuto il numero di turisti che hanno scelto di trascorrere una vacanza sul nostro territorio - sottolinea il presidente della Regione, Roberto Cota – Un dato, per il secondo anno consecutivo, in controtendenza rispetto alla flessione del turismo nazionale, che premia il lavoro di tanti grandi e piccoli imprenditori e il nostro sforzo per sostenere il settore e creare nuovi posti di lavoro”.

RENZI - ‘Competenze su Innovazione sono della Regione. Noi eccellenza riconosciuta da Ue’.

‘Capisco che a volte vengano prima i giochi di sponda di partito, ma vorrei ricordare al Presidente Renzi che le competenze, le politiche e le risorse nell’ambito dell’Innovazione sono della Regione Piemonte. Non è del resto un caso che recentemente la nostra Regione, insieme a Friuli e Emilia Romagna, sia stata riconosciuta dalla Commissione Europea come un’eccellenza nell’uso dei fondi europei sull’Innovazione, al pari dei migliori esempi d’Europa. I 12 Poli di innovazione del Piemonte sono un esempio concreto del nostro lavoro e del nostro impegno. La verità è che come Regione abbiamo dovuto supplire in questi anni al sostanziale disinteresse sul tema da parte dello Stato centrale. ’’. Lo dichiara il Presidente della Regione Piemonte Roberto COTA in merito alla proposta del Presidente del Consiglio Matteo Renzi di un vertice su ‘Disoccupazione e Innovazione’ a Torino.

 
 
Sei qui: Home Stampa Comunicati stampa