Layout

Cpanel

Leggi tutto: Sanità, assistenza e istruzione in Giunta oggiLE DECISIONI DELLA GIUNTA REGIONALE

Sanità, assistenza e istruzione sono i principali argomenti con carattere di urgenza e indifferibilità esaminati questa mattina dalla Giunta regionale. La riunione è stata coordinata dal presidente Roberto Cota.
Sanità. Come proposto dall’assessore Ugo Cavallera, sono stati confermati nei rispettivi incarichi i direttori generali delle Asl TO1, TO2, TO3, TO4, TO5, VC, BI, NO, VCO, CN1, AT, AL, delle aziende ospedaliero-universitarie San Luigi di Orbassano e Maggiore di Novara, delle aziende ospedaliere SS: Croce e Carle di Cuneo, SS. Antonio e Biagio di Alessandria, Ordine Mauriziano di Torino. La delibera attesta il raggiungimento degli obiettivi assegnati a ciascun direttore al momento della nomina e vuole favorire la continuità di gestione necessaria per la piena attuazione dei programmi operativi 2013-2015.
Si è inoltre stabilito di:
- attribuire all’azienda ospedaliero-universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino il coordinamento sovrazonale dei sistemi informativi della Rete regionale ospedaliera di Allerogologia ed all’Asl CN1 il coordinamento sovrazonale dei sistemi informativi della Rete di assistenza neuropsichiatrica dell’età evolutiva e dell’adolescenza;
- individuare la struttura complessa di Anatomia e Istologia dell’ospedale di Borgomanero quale secondo centro regionale, insieme a quello dell’ospedale San Giovanni Antica sede di Torino, per le letture dei test sul papilloma virus nell’ambito del programma “Prevenzione Serena”;
- confermare il Regina Margherita-Sant’Anna di Torino e l’azienda ospedaliera di Alessandria quali centri di riferimento della Rete regionale di cure palliative e terapia del dolore rivolta al paziente pediatrico, ed individuare il Regina Margherita-Sant’Anna di Torino quale sede del primo hospice pediatrico piemontese secondo un progetto di fattibilità che sarà presentato dall’azienda ospedaliero-universitaria Città della Salute e della Scienza;
- indicare l’azienda ospedaliero-universitaria Città della Salute e della Scienza quale sede dei centri di riferimento per lo screening del cancro della mammella, della cervice uterina e del colon retto;
- definire i nuovi requisiti minimi autorizzativi per le case di cura private, adeguati all’innovazione tecnologica e all’evoluzione delle esigenze organizzative del sistema sanitario.
Assistenza. Come proposto dall’assessore Ugo Cavallera, sono state quantificate in circa 30 milioni di euro le risorse regionali aggiuntive necessarie per garantire nel 2014 la continuità dell’erogazione delle prestazioni domiciliari in lungoassistenza a favore delle persone non autosufficienti. A queste risorse vanno sommate quelle statali del Fondo per le non autosufficienze, quelle per i servizi domiciliari assegnate dalla Regione agli enti gestori delle funzioni socio-assistenziali e quelle provenienti dal Fondo sanitario regionale per il costo degli operatori socio-sanitari.
Istruzione. Il Piano integrativo dell’offerta formativa per le scuole superiori per l’anno scolastico 2014-2015, presentato dall’assessore Alberto Cirio, ha ottenuto il parere favorevole della Giunta dopo quello espresso la scorsa settimana dalla VI Commissione del Consiglio regionale. Tra i nuovi indirizzi autorizzati spicca il Liceo scientifico ad indirizzo sportivo presso gli istituti Sobrero di Casale Monferrato, F. Vercelli di Asti, Quintino Sella di Biella, “Peano-Pellico di Cuneo (distaccamento di Limone Piemonte), Antonelli di Novara, Des Ambrois di Oulx, Marconi-Galletti di Domodossola e Avogadro di Vercelli.
Sono inoltre stati approvati:
- le autorizzazioni per resistere avanti il Tar del Piemonte verso i ricorsi presentati dai Comuni di Torino e Cuneo nei confronti delle delibere sul trasporto pubblico locale per gli anni 2013-2015, e per proporre gli appelli avanti il Consiglio di Stato verso le sentenze del Tar del Piemonte che annullano gli atti di compensazione del prelievo supplementare non versato dai produttori di latte con gli aiuti comunitari ad essi spettanti;
- su proposta dell’assessore Gian Luca Vignale, la costituzione nell’organizzazione interna della Regione del settore Trasparenza e anticorruzione, che, come previsto dalla normativa nazionale, dovrà provvedere alla redazione di un piano di contrasto ai fenomeni corruttivi in grado di definire la valutazione del livello di esposizione delle varie strutture ed indicare gli interventi più idonei per prevenire tali rischi.

Leggi tutto: Resistere é un dovere, senza perdere tempoLA DOMENICA DEL GOVERNATORE N. 101

Occorre uno scatto d'orgoglio, questo non può essere un Paese prigioniero dei Tar, delle carte bollate, delle diatribe giuridiche infinite che prescindono completamente dalla sostanza delle cose. Come è possibile che un Tar annulli le elezioni dopo quattro anni? Come è possibile che le annulli a fronte di voti veri perchè il risultato delle elezioni non è mai stato in discussione? Come è possibile che chi presenta ricorso ed invoca il rispetto della legalità abbia commesso irregolarità peggiori? Come è possibile che queste storie legate a delle liste vengano tirate fuori proditoriamente per mandare a casa questo governo regionale e non si dica niente delle vicende che hanno riguardato, ad esempio, le ultime elezioni comunali di Torino?
Non cerco vendette, dico, anzi, che una volta per tutte questo scempio delle carte bollate deve essere fermato. Prima di tutto va ribadito che il voto espresso, una volta ammesse le liste, è sacro.

Poi, si applichino le leggi con un minimo, dico un minimo, di equilibrio! Non c'è bisogno di scrivere un trattato per capire che chi ha messo una croce su un simbolo dove la parola più grande era Cota, volesse votare per Cota.
Non prendiamoci in giro, per favore! Così come chi ha tracciato la croce sulla lista Pensionati ed Invalidi per Bresso voleva votare Bresso.

Leggi contorte? No, menti contorte! Ne hanno inventate di tutti i colori per tenere in piedi un ricorso che non doveva neanche essere presentato e che, quanto al risultato complessivo delle elezioni, andava respinto in cinque minuti! Ho assistito, allibito, a tutte le fasi di questi assurdi ricorsi, compreso il pronunciamento della Corte Costituzionale, disatteso pur di costruire il percorso diabolico per darci torto. Resistere contro questa vergognosa sentenza è un dovere, senza perdere tempo, perchè non si tratta di stabilire chi sia il giurista più bravo, ma di difendere i diritti di milioni di Piemontesi.

Buona domenica e buona settimana.

Leggi tutto: Consiglio di Stato decida rapidamente per rimediare al Tar“Pronunciamento rapido Consiglio di Stato per rimediare a Tar e a stallo giuridico”

“Il Consiglio di Stato si deve pronunciare il più rapidamente possibile: noi stiamo lavorando a pieno ritmo, ma da un punto di vista giuridico c'è uno stallo. C'è bisogno che venga posto rimedio alla decisione del Tar di Torino, che è al di fuori delle regole e dei principi più elementari di democrazia e di buon senso. C'è una crisi economica che morde e ci sono scadenze importantissime nei prossimi mesi. La fine naturale della legislatura è la primavera del 2015: non manca molto, ma questi mesi di lavoro sono necessari. In quell'occasione ci sarà il confronto elettorale, senza gettare il Piemonte nel caos, soltanto perché si vuole distruggere l'avversario politico usando le note scorciatoie. L’udienza per la sospensiva è stata fissata per l’11 di febbraio”.

Lo dichiara il Presidente della Regione Piemonte Roberto COTA.

"Oggi si e' svolta un'iniziativa importantissima fatta di proposte concrete. Oggi la Regione Piemonte, dopo il lavoro di risanamento fatto in questi quattro anni, e' in grado di competere e sviluppare iniziative comuni con Lombardia e Veneto, a cominciare dalla Sanita' nella quale grazie al nostro lavoro siamo una delle regioni virtuose. Solo le regioni del Nord sono in grado di trovare quelle ricette per il sistema produttivo che lo stato centrale con il suo immobilismo non può trovare. Si pensi, per esempio, alle Leggi tutto: Proposte concrete contro il nulla di Romainiziative che abbiamo varato a favore del lavoro, in particolare al contratto di apprendistato e all'insiediamento di aziende sul nostro territorio".

Così il Presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, commenta l'iniziativa della Lega Nord promossa dal Segretario federale Matteo Salvini che ha riunito gli amministratori leghisti, assessori e consiglieri regionali, al Novotel, zona Niguarda a Milano. Ai lavori hanno preso parte anche i tre governatori Roberto Maroni, Luca Zaia e Roberto Cota, servira', per formulare una serie di proposte concrete "in alternativa al nulla e alle tasse di Roma".

Oggi nella riunione dei Capigruppo di maggioranza alla presenza del Presidente Cota e del vicepresidente e assessore al Bilancio Gilberto Pichetto è emersa la volontà di procedere al più presto all'approvazione del bilancio strumento necessario e indifferibile alla vita dell'Ente. Si chiederà quindi il ritiro di tutti gli emendamenti per poter procedere all'approvazione entro il 31 gennaio. Si auspica che su questo punto vi sia senso di responsabilità anche da parte dell'opposizione, con la partecipazione al voto. Durante la riunione si è affermata l'assoluta necessità che la legislatura possa arrivare fino alla naturale scadenza nel 2015. Una interruzione per via giudiziaria, oltre a integrare una grave violazione dei diritti dei cittadini che quattro anni fa hanno espresso validamente il loro voto, avrebbe conseguenze gravi e devastanti per l'assetto economico ed istituzionale della nostra regione. Si pensi ad esempio, all'esigenza di affrontare l'emergenza lavoro e occupazione, alla necessaria definizione delle quote dei fondi strutturali europei spettanti alla Regione. A ciò si aggiungerebbe l'impossibilità di dotare il Piemonte di una legge elettorale che garantisca a governabilità e la rappresentanza dei territori.

 
 
Sei qui: Home Stampa Comunicati stampa