Layout

Cpanel

FONDI UE; COTA: “ACCORDO RAGGIUNTO, SODDISFAZIONE PER LA QUOTA DEL PIEMONTE”

“Abbiamo chiuso un accordo complessivo per il riparto dei fondi strutturali Ue per il periodo 2014-2020. Rispetto alle ipotesi del Governo, che prevedeva stanziamenti molto più bassi, alla Regione Piemonte vanno complessivamente 2 miliardi e 160 milioni di euro, suddivisi in 1 miliardo e 880 milioni per Programma operativo regionale, Fondo europeo di sviluppo regionale e Fondo sociale europeo e 280 milioni di quota con ricaduta sul Piemonte del Piano operativo nazionale. Siamo soddisfatti, sia con riferimento all’importo complessivo, che alla quota pro capite che si attesta tra più alte. Rimane la contrarietà rispetta alla politica del Governo nazionale che ha stanziato 1800 milioni in meno a livello di cofinanziamento. Abbiamo adempiuto al mandato conferito dal Consiglio regionale”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota , al termine della Conferenza delle Regioni riunitasi oggi a Roma per il riparto dei fondi strutturali Ue per il periodo 2014-2020.

Leggi tutto: Lavoro, terzo valico e inquinamento: temi in giunta ieriLE DECISIONI DELLA GIUNTA REGIONALE

Lavoro, Terzo valico e qualità dell’aria sono i principali argomenti affrontati ieri sera dalla Giunta regionale. La riunione è stata coordinata dal presidente Roberto Cota.
Lavoro. Su proposta dell’assessore Claudia Porchietto sono stati approvate tre delibere contenenti misure a favore dell’occupazione:
- la dotazione finanziaria della direttiva sulla mobilità transnazionale 2012-2014 viene incrementata con 2 milioni di euro, derivanti da economie di gestione di altre direttive, che vengono destinati allo sviluppo dei progetti di promozione di opportunità occupazionali nei Paesi dell’Unione Europea (le risorse complessive passano così da 4,3 a 6,3 milioni);
- viene affidata a Finpiemonte l’istituzione di un fondo regionale di garanzia per l’accesso al credito a favore di nuove imprese e dei lavoratori autonomi, che disporrà di un milione di euro per fornire garanzie fideiussorie alle banche convenzionate sui finanziamenti erogati;
- nell’ambito del programma sperimentale di interventi straordinari a sostegno di lavoratori e imprese dei settori tessile e Ict applicato a lavorazioni meccaniche vengono destinati 2,9 milioni di euro per incrementare i percorsi formativi per il lavoro per i quali è dimostrabile l’interesse di una o più imprese del territorio.
Terzo valico. L’approvazione dell’aggiornamento del piano di reperimento dei materiali litoidi per la realizzazione del Terzo valico dei Giovi, proposta dagli assessori Barbara Bonino e Gian Luca Vignale, interessa esclusivamente le opere e gli interventi riguardanti i lotti 1 (viabilità complessiva e lavori preparatori della galleria Vallemme) e 2 (lavori preparatori del tunnel) ed è condizionata dall’attuazione di dettagliate prescrizioni riguardanti il piano del traffico stradale e ferroviario e la riqualificazione ambientale dell’ex cava Cementir di Voltaggio e dei siti in località Libarna di Arquata/SerravalleScrivia, Pieve di Novi Ligure e Castello Armellino di Tortona.
Per i restanti lotti 3, 4 e 5 nella delibera si ritiene opportuno chiedere un riaggiornamento del documento presentato dal Consorzio Cociv in quanto, anche se la valutazione complessiva permette la formulazione di un giudizio positivo in termini di produzione, riutilizzo e deposito delle terre e rocce da scavo, l’esame specifico delle varie realtà territoriali impone il ricorso ad una serie di verifiche di carattere tecnico necessarie per rendere compatibili gli interventi proposti.
Qualità dell’aria. Un accordo di programma tra Stato e Regioni del bacino padano, presentato dall’assessore Roberto Ravello, riguarda l’adozione coordinata e congiunta di misure di risanamento della qualità dell’aria e di contrasto all’inquinamento atmosferico nel breve, medio e lungo periodo mediante interventi sui settori maggiormente responsabili delle emissioni inquinanti (combustione di biomasse, trasporto merci e passeggeri, riscaldamento civile, industria, produzione di energia, agricoltura).
Cruscotto edilizia residenziale. Come proposto dagli assessori Gian Luca Vignale e Giovanna Quaglia si potrà procedere con l’attuazione del progetto “Cruscotto analisi utenze edilizia residenziale pubblica”, che si propone di esaminare l’utenza di alcune aree abitative tramite la verifica della banca dati gestionale dell’Atc di Torino con l’obiettivo di prevenire le frodi.

Leggi tutto: Riparto fondi UE non ci soddisfa, rivederloFONDI UE: “IL RIPARTO IPOTIZZATO NON CI SODDISFA. TRATTARE PER RIVEDERLO”
“Il riparto dei fondi Ue 2014-20 non è ancora stato fatto: il Ministero ha provveduto ad una simulazione tecnica, identica a quella del 2006, fatta dando un peso preponderante alla popolazione. Tutte le Regioni sono contrarie, anche noi siamo contrarissimi, per cui si sta ancora trattando per rivedere profondamente le basi del riparto. Questo modello basato principalmente sulla popolazione non risponde tra l’altro ai criteri delle aree di coesione dell’Unione europea”.

Lo ha dichiarato il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota.

Leggi tutto: Aiuto concreto per l’accesso al creditoIMPRESE: UN BANDO PER FAVORIRE L'APERTURA DI SEDI DI RAPPRESENTANZA ALL'ESTERO
Iniziativa pilota della Regione in favore delle piccole aziende.
Il Presidente Cota: «Aiuto concreto per l’accesso al credito».

L'apertura di uffici amministrativi, di rappresentanza, show-room, magazzini, punti vendita e quant'altro possa essere utile per promuovere i prodotti delle aziende piemontesi al di fuori dai confini dell'Unione Europa. E' questo l'obiettivo di una misura pilota sull'internazionalizzazione in uscita, pubblicata oggi sul sito istituzionale della Regione e che è possibile consultare dalla sezione "bandi e finanziamenti". L'iniziativa è rivolta alle piccole e medie imprese piemontesi che non hanno sedi all'estero e che, accedendo al contributo regionale, potranno per la prima volta promuoversi in un mercato straniero.

Le risorse stanziate per il bando, che rientra nell'ambito del Piano internazionalizzazione del Piemonte, ammontano a 1 milione di euro, grazie al quale viene costituito un fondo di garanzia rotativo, destinato a favorire l'accesso al credito per l'erogazione dei finanziamenti.

«E' una misura innovativa, sicuramente molto attesa da parte del nostro sistema imprenditoriale e studiata appositamente per le piccole e medie imprese. Bisogna potenziare la loro presenza nei mercati diversi dall'UE, perché solo in questo modo è possibile valorizzare le nostre eccellenze - sottolinea il Presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota - Sappiamo quanto le aziende abbiano di questi tempi difficoltà ad accedere al credito, ma con la garanzia della Regione potranno ottenere il finanziamento necessario ad aprire per la prima volta una nuova sede all'estero. Contiamo di finanziarie una trentina di pmi in questa prima fase del bando. Trattandosi di fondo rotativo potranno essere molte di più una volta che le imprese rientreranno nei prestiti».

La misura è “a sportello” e sarà gestita dalla società in house Finpiemonte. Sono ammissibili unicamente le iniziative e gli investimenti di carattere non produttivo, rivolti alla penetrazione in Paesi che non sono membri dell’Unione Europea e in cui il soggetto richiedente non abbia già una presenza diretta attraverso proprie sedi o imprese ad essa collegate. L’agevolazione consiste nella concessione di una garanzia fideiussoria gratuita in favore dell'impresa, che assiste fino al 50% un finanziamento bancario di importo minimo pari a 200 mila euro, durata minima 24 mesi e massima 60 mesi, con preammortamento massimo di 6 mesi.

Le domande potranno essere presentate esclusivamente online, accreditandosi all'indirizzo web: http://www.sistemapiemonte.it/bandi/industria/jsp/controller/swhttpcontroller.jsp
Sarà possibile procedere all'accreditamento e all'invio delle richieste a partire dal 14 Gennaio 2014. Ulteriori dettagli possono essere reperiti sul sito di Finpiemonte (www.finpiemonte.it) nella sezione bandi.

Leggi tutto: La riunione di Giunta di oggiLE DECISIONI DELLA GIUNTA REGIONALE

Bilancio e legge finanziaria, spesa regionale e saldi di fine stagione sono i principali argomenti esaminati questa mattina dalla Giunta regionale. La riunione è stata coordinata dal presidente Roberto Cota.
Documenti contabili. Su proposta del vicepresidente Gilberto Pichetto, sono stati approvati la legge finanziaria, il bilancio di previsione 2014 e quello pluriennale 2014-2016, che vengono ora trasmessi all’esame del Consiglio regionale. In particolare, il bilancio 2014 mantiene l’impostazione già avviata di risanamento dei conti della Regione e, nonostante non si possa ancora tenere conto della nuova programmazione dei fondi europei, prevede la copertura di tutti i servizi essenziali per i cittadini e le imprese. La cifra complessiva stimata è di 12 miliardi e 778 milioni (di cui 11 miliardi e 100 milioni di fondi regionali). Tra le voci più significative la sanità, i trasporti, le attività produttive, l’istruzione e il lavoro, la cultura. Non vengono creati nuovi debiti, sono rispettati i piani di rientro su sanità e trasporti, sono assorbite le passività pregresse.
Tra le misure più importanti della finanziaria figurano la rimodulazione delle aliquote dell’addizionale regionale sull’Irpef e l’introduzione di maggiori detrazioni per le famiglie con figli disabili.
Spesa regionale. Il piano triennale 2013-2015 di razionalizzazione e riqualificazione della spesa regionale proposto dall’assessore Gian Luca Vignale si propone di risparmiare quasi 6,5 milioni di euro agendo in diversi ambiti, quali ad esempio la riduzione delle sedi regionali e dei relativi canoni di locazione, l’internalizzazione della riscossione del bollo auto e del call center, il non rinnovo dei contratti con le agenzie di rating, la diminuzione dell’uso della carta.
Saldi di fine stagione. Fissate, come proposto dall’assessore Agostino Ghiglia, le date di inizio dei saldi di fine stagione per il 2014: sabato 4 gennaio per quelli invernali, sabato 5 luglio per quelli estivi.
Sono stati inoltre approvati:
- su proposta degli assessori Alberto Cirio e Gliberto Pichetto, una modifica all’accordo di programma con la Provincia di Cuneo e il Comune di Dronero per la realizzazione della Cittadella delle bocce;
- su proposta dell’assessore Riccardo Molinari, la nomina della prof.ssa Annamaria Torazzo quale rappresentante dell’Università del Piemonte orientale nel consiglio di amministrazione dell’Ente per il diritto allo studio;
- su proposta dell’assessore Claudia Porchietto, lo schema di protocollo d’intesa con Unioncamere Piemonte ed Università di Torino per la valorizzazione della responsabilità sociale di impresa e dell’innovazione sociale;
- su proposta dell’assessore Roberto Ravello, il giudizio positivo di compatibilità ambientale sul progetto dell’Aipo riguardante il nuovo argine in destra Po a valle dello svincolo autostradale a Moncalieri;
- su proposta dell’assessore Giovanna Quaglia, una modifica al regolamento edilizio tipo da sottoporre al Consiglio regionale, in modo da precisare meglio le condizioni di esclusione dei sottotetti dal computo della superficie utile lorda della costruzione.

 
 
Sei qui: Home Stampa Comunicati stampa