Layout

Cpanel

Da oggi parte una nuova rubrica, si chiamerà 'Alla riscoperta del Piemonte'. Ogni venerdì parleremo di uno dei tantissimi piccoli Comuni del Piemonte, raccontandone i segreti e soprattutto i motivi per cui varrebbe la pena visitarlo. Naturalmente aspettiamo da tutti vuoi un utile aiuto in questa piccola grande avventura alla riscoperta delle radici più profonde del nostro territorio.

 


Nonostante gli impegni che ci stanno investendo in questi giorni, sono riuscito a farmi un giro nel cuunese. Busca è la mia meta settimanale.

Busca è una città di circa 10.000 abitanti, costituita da un centro storico, all'interno delle antiche mura ai piedi della collina morenica.

Leggi tutto: Busca

L'origine del nome dovrebbe essere celtica o germanica come molte parole con i suffissi sca e sco. Entrambi i significati indicano un territorio boschivo.

Il processo di romanizzazione avvenuto secoli fa nella zona ha lasciato molte eredità come necropoli, lapidi e resti di mura. Le aree più interessanti dal punto di vista archeologico sono S. Martino e S. Quintino.

Un posto che vi vorrei segnalare è Il Castello del Roccolo inserito in un parco plurisecolare di circa 500.000 metri quadri nel quale, per un particolare microclima cresce l'olivo. Il castello fu edificato a partire dal 1831 e rappresenta un'importante espressione dello stile neo-medievale in Piemonte. Si dice che vi soggiornarono Silvio Pellico, il re Umberto I e la regina Margherita.

Leggi tutto: Busca

SCHEDA:

  • Comune di Busca

PROVINCIA:

  • Cuneo

COME RAGGIUNGERLO:

La Valle Antigorio Formazza è una delle vallate alpine più significative a nord del Verbano Cusio Ossola. Questa settimana ho deciso di addentrarmi a Salecchio, piccolo paesino di tradizione Walser appoggiato su un pianoro a circa 1300 metri di quota.

E’ circondato da folti boschi di conifere e vaste praterie.

Si divide in due frazioni: Salecchio inferiore (1320 metri d’altezza) e Salecchio superiore (1510 m.). Leggi tutto: Salecchio

A Salecchio inferiore troviamo una bella chiesa e un caratteristico cimitero. La maggior parte delle tombe ha lo stesso cognome ed è dovuto al fatto che le famiglie erano tutte originate dagli stessi antenati e l’unione dei consanguinei poteva generare figli con malattie ereditarie e quindi molte morti precoci.

Nel borgo di Saleggio superiore, raggiunguibile previa passeggiata di meno di un ora a piedi, troviamo delle bellissime case Walser. Nonostante le ristrutturazioni si vedono ancora i segni della comunità Walser che l'ha abitata nei secoli scorsi.

Leggi tutto: Salecchio

Questo borgo rappresenta un angolo di paradiso ancora incontaminato e la fatica per arrivarci viene ripagato da un luogo lontano dallo stress e dalla frenesia del quotidiano.

SCHEDA:

    Comune di Premia

PROVINCIA:

    Verbano Cusio Ossola

COME RAGGIUNGERLO:

Su segnalazione di una gentilissima signora, ho deciso questa settimana di andare a visitare Olmo Gentile, piccolo comune piemontese in provincia di Asti, ai confini con la provincia di Cuneo. Qui i residenti sono circa 90 abitanti e si chiamano Olmesi.
 
Quello che noto guardandomi intorno sono ampi noccioleti e castagneti e mi fa pensare che in autunno queste colline saranno veramente bellissime.
Leggi tutto: Olmo Gentile
Nel periodo del medioevo vi erano diverse tradizioni tra cui quella di piantare, nei pressi dei luoghi di culto, un grande albero detto Olmo, simbolo di giustizia e protezione. Da questo deriva il suo nome.
 
Fino a circa l’inizio del ‘900 le famiglie Chiesa e Cortina abitavano nel castello, composto da una torre e da una parte adibita ad abitazione. Purtroppo, per diversi anni, il castello è stato lasciato in stato di abbandono ma ora, finalmente, si stanno attivando le operazioni di restauro.
Ad olmo troviamo 3 luoghi di culto molto importanti e interessanti da visitare: la chiesa parrocchiale di Santa Maria Maddalena, la chiesa di San Martino e la Cappella dell’Addolorata.
 
SCHEDA:
 
PROVINCIA
  • ASTI
 
COME RAGGIUNGERLO
Tutti conosciamo, almeno per nome, le Valli di Lanzo. Queste sono solcate dal fiume Stura di Lanzo. Questa settimana sono andato a visitare il comune più elevato della Val D’Ala: Balme.
Leggi tutto: Balme Leggi tutto: Balme
E’ un comune molto piccolo abitato da circa 96 persone. Le interpretazioni rispetto alle origini del nome sono molteplici: alcuni ritengono che sia di origine celtica e significhi un monte che attraversa più valli; altri ritengono che derivi dalle innumerevoli rocce sporgenti rintracciabili sul territorio.
 
Distante 5km da Balma troviamo il vasto pianoro del Pian della Mussa grazie al quale il paese ha ottenuto notorietà in tutta la provincia di Torino. L’acqua infatti è considerata di grande pregio. 
 
Vi sono diverse curiosità che vi vorrei segnalare: grazie al prestigio dell’acqua, ogni casa nel paese è dotata di una propria fontanella, inoltre l’equipaggio americano della Stazione Spaziale Internazionale, ne fa uso abituale. Nel 1876, da Padre Francesco Denza, venne installata una stazione meteorologica, tra le prime in Italia, ancora in funzione ai nostri giorni, che registra i dati relativi alla quantità di pioggia e di neve caduta.
 
Non dimentichiamoci che Balme è la meta ideale per tutti coloro che amano la montagna sia per i percorsi estivi di trekking che d’inverno per praticare lo sci di fondo.
 
COMUNE DI BALME:

COME RAGGIUNGERLO:

Come vi avevo preannunciato ieri, questa settimana sono andato a visitare Sezzadio in provincia di alessandria. Comune di 1.301 che secondo le fonti ha avuto origine tra il II e I secolo A.C per la necessità di una antica “stazione di posta” dove far riposare i cavalli.

Leggi tutto: SezzadioLeggi tutto: Sezzadio

La chiesa parrocchiale è dedicata alla Beata Vergine Immacolata e fu realizzata nel 1900 circa. Le sue caratteristiche di semplicità lineare la designano come una delle migliori chiese neogotiche minore in Italia.

Degno di altrettanta attenzione è il castello di Sezzadio. L’edificio religioso principale è l'abbazia di Santa Giustina fondata dal re Longobardo Liuprando e ampliata successivamente dal marchese di Sezzadio, Ottoberto.
La chiesa ha imponenti facciate in cotto e coronata da archetti pensili con elementi gotici.

http://www.comune.sezzadio.al.it

SCHEDA:

  • COMUNE DI SEZZADIO 

PROVINCIA:

  • ALESSANDRIA 

COME RAGGIUNGERLO:

 
 
Sei qui: Home Rubriche Alla riscoperta del Piemonte