Layout

Cpanel

L' altra sera a Torino si è svolto un convegno molto interessante sul futuro politico del centrodestra. E ‘stato organizzato dai giovani dei vari partiti e la Lega Nord vi ha partecipato. A Torino, una volta sfatato il mito di una città che si vuole rappresentare come ben governata e che invece ha problemi enormi, i margini di crescita e di successo di un progetto di centrodestra sono enormi. A mio avviso quello che bisogna fare è mettere in campo un progetto veramente alternativo che parta da posizioni politiche nette. L'alternatività rispetto al governo Renzi, una proposta economica basata su una tassazione ridotta e semplificata, la difesa dell'autonomia dei territori, una posizione di rigore sull'immigrazione, la difesa di alcuni valori, quali la famiglia, proprio nella città che ha il triste primato della registrazione di un bimbo con due mamme. Va stilata una diversa lista di priorità per la città, che metta al primo posto le periferie, completamente dimenticate. Si può e si deve partire da questa base, ma con chiarezza e senza sudditanze culturali. Con la consapevolezza di aver governato bene la Regione e di aver subito un'ingiustizia senza precedenti che oggi abbiamo la forza di smascherare, per ritornare più forti di prima.

Buona domenica e buona settimana.

Quello che è successo a Parigi dovrebbe far riflettere. Il problema è che in certi ambienti si riflette in modo sbagliato: si fa finta di non capire oppure si dicono parole vuote. Vedere scendere in piazza oggi alcuni esponenti della sinistra che hanno sempre teorizzato l'immigrazione libera e nascosto i problemi di una difficilissima integrazione islamica fa un certo effetto.

Buonismo, ipocrisia e mancata difesa dei valori ci hanno portato al punto di non essere più padroni a casa nostra. Se non cambia qualcosa, sarà sempre peggio. Allora, piuttosto di prendersela con chi dice la verità, sarebbe ora di gridare a tutti la verità. Stop alla immigrazione libera e difendiamo i nostri valori!
Buona domenica e buona settimana.

Ieri abbiamo organizzato con Matteo Salvini un presidio a Torino, in piazza Galimberti, dove si trovano le palazzine ex Moi, immobili utilizzati per il villaggio olimpico di Torino 2006 ed oggi occupati abusivamente da clandestini alcuni dei quali si definiscono profughi. Una struttura segnalata come una vera e propria centrale dello spaccio. Questa situazione provoca molti disagi agli abitanti del quartiere e l'intera zona è andata incontro nel tempo ad un pesante degrado. Come si risolve il problema? Sgomberando gli edifici e destinandoli a case popolari per i nostri cittadini. In realtà, a Torino, nonostante quello che vogliono farci credere, le situazioni critiche sono diverse e la sinistra non se ne occupa, costantemente proiettata verso iniziative/immagine. Serve una nuova impostazione. Prima di parlare di come trovare le risorse per questo o quell'evento (dalle Olimpiadi in giù), ci si dovrebbe occupare dei Torinesi e di quelle zone della città che sono completamente dimenticate.
Buona domenica e buona settimana.

E'iniziato il 2015 e sul tappeto ci sono tante questioni. In Piemonte, la sinistra si ritroverà il fantasma di un potere preso senza competere in un leale confronto, ma utilizzando metodi mai visti in un sistema democratico. Le tante ipocrisie verranno smascherate anche sull'azione di governo in quanto non esiste angolo  della nostra Regione dove la sinistra appaia in grado di portare miglioramenti. A Roma si parla molto, Renzi è sempre alla ricerca della notizia del giorno, ma il punto vero è quello di un'economia che precipita ogni giorno di più verso il baratro. Su questo non si intravedono ricette da parte di chi governa e ci si concentra piuttosto  su come spalancare le porte agli immigrati....Non una parola, per esempio, su come ridurre veramente la pressione fiscale e sulla nostra proposta di flat tax. I tweet e selfie di Renzi non creano posti di lavoro e speriamo per tutti che si cambi rotta il più presto possibile.
Buona domenica e buona settimana.
Ieri a Milano c'è stato un importante convegno sulla flat tax ed abbiamo presentato, come Lega, la nostra proposta politica di aliquota fiscale unica al 15%. E'stato spiegato come un meccanismo di tassazione sostenibile non possa che portare ad un aumento del gettito fiscale e ad un abbattimento dell'evasione. E' evidente, inoltre, che il nostro sistema produttivo risulterebbe più competitivo anche sotto l'aspetto della grande semplificazione che verrebbe introdotta. La battaglia che si deve  condurre, però, è un po' più complicata, perchė questo è il paese dei tabù, dei luoghi comuni e delle complicazioni. La prima obiezione che si è sentita fare  alla proposta di Salvini e della Lega risente di questo clima: l'aliquota unica non assicurerebbe la progressività del nostro sistema tributario richiesta dalla Costituzione, ė stato detto da alcuni soloni. Questo non è vero, perchè con il meccanismo di semplicissime detrazioni, deduzioni e franchigie, la progressività non solo sarebbe rispettata, ma assicurata in misura maggiore rispetto ad un sistema che oggi favorisce la furberia fiscale. Il fatto è che Renzi parla, ma non incide, anzi le cose vanno sempre peggio. Serve un'alternativa.
Buona domenica e buona settimana.
 
 
Sei qui: Home Rubriche Domenica di Roberto Cota