Layout

Cpanel

Leggi tutto: Lo spazio è grande, è ora di occuparloProponiamo una sintesi dell'intervento al Congresso Federale della Lega Nord di Padova.

Queste elezioni per noi sono state un momento positivo perchè, non solo abbiamo tenuto, ma abbiamo migliorato di molto i nostri numeri.
In Piemonte, per esempio, nonostante tutti gli attacchi che ci hanno tirato, siamo stati gli unici a crescere nel fronte alternativo alla sinistra, più che altro al renzismo perchė in molti, a sinistra, Renzi lo stanno subendo.

Lo spazio è grande, si tratta di occuparlo.
In questa campagna elettorale sono stati azzeccati i messaggi e la linea, senza dubbio. Si tratta di elaborare un programma complessivo in grado di far comprendere il nostro progetto a tutti i livelli.

Basta euro.
L'euro ed il suo rapporto di cambio sono stati una fregatura. Un tema di prospettiva, dobbiamo poter competere con le Regioni del Nord Europa, quelle più evolute, quelle più industrializzate.
Dobbiamo far circolare le idee per poi ridisegnare gli assetti.
La Euroregione Alpina non è un'utopia, ma un futuro possibile.

Riduzione della pressione fiscale.
Le imprese muoiono di tasse, non si tratta di essere simpatici o antipatici, ma di abbassare la pressione fiscale, veramente, in modo incisivo. Renzi non lo fa, la aumenta!
Mentre il Presidente del Consiglio si fa riprendere e fa fotografie, le aziende nel Nord produttivo chiudono e quando un azienda chiude, è morta, non riapre più.
Allora, giù le tasse, poi si vede, tanto, peggio di come sta andando adesso, non può andare per il nostro sistema produttivo.

Federalismo/autonomia/indipendenza.
Andare al Sud deve voler dire aiutare i movimenti autonomisti a svilupparsi in loco, non certo trasformarsi in un partito nazionale o nazionalista.
La difesa e la ricerca della nostra autonomia è difesa, prima di tutto, delle ragioni del Nord.
In questi giorni nelle sezioni, come al Congresso, si ė sviluppato un dibattito interno molto interessante e costruttivo, fatto di contenuti.
Il punto è: nella politica di oggi, servono ancora i contenuti? A guardare Renzi la risposta è no, a lui
non servono, il suo schema è il seguente: "Dico alla gente le cose che più o meno vanno di moda, non importa se giuste o sbagliate. Non faccio niente, faccio il contrario o faccio cose inutili o solo di facciata".
Due esempi: gli 80 euro fasulli e la riforma fasulla degli enti locali dove non si sono ridotti i costi della politica, sono stati massacrati gli amministratori locali e sono stati cancellati servizi fondamentali.

La Lega è diversa ed anche questa diversità pagherà perchè abbiamo un orizzonte più ampio.
La realtà prevale sempre sulla finzione.
Buon lavoro.

Il pericolo è che quello di oggi diventi il mondo degli slogan fini a se stessi. Un gigantesco circo mediatico, sondaggistico, alla fine con molti aspetti del salotto e pochi dello sbandierato reale contatto con la gente.
In questo mondo si dice solo ciò che conviene al momento e non si bada tanto a realizzare ciò che si dice, quanto piuttosto a creare un nuovo slogan più accattivante in grado di far dimenticare la mancata realizzazione del precedente.
Ci si concentra, non sulle cose veramente utili, quanto su quelle che attraggono l'attenzione. Quando esploderà questa contagiosa bolla di sapone si faranno in conti con i danni creati.

Speriamo che la gente si accorga il più presto possibile di quello che sta succedendo. Buona domenica e buona settimana.

LA DOMENICA DI ROBERTO COTA N. 12

Domani inizia ufficialmente la nuova legislatura regionale. Quello che ci hanno fatto è stato, dal punto di vista della violazione delle regole più elementari della Democrazia, terribile e penso che prima o poi i responsabili ne pagheranno le conseguenze. Detto questo, nella vita bisogna sempre saper guardare avanti e domani la Lega Nord si presenta in Consiglio regionale forte di un risultato elettorale che ha dimostrato come la gente abbia una sua autonomia di giudizio, al di là di certe campagne mediatiche.

Il Piemonte è stato salvato dalla nostra azione di governo, speriamo in futuro non venga fatto affondare. E' in atto una forte aggressione verso le Regioni e gli Enti Locali ed occorre avere la forza di reagire e di smascherare la politica di Renzi che porta avanti un centralismo molto spinto. Dietro il fiume di parole non ci sono, in particolare, iniziative concrete per il nostro sistema produttivo che si impoverisce ogni giorno di più. Quello che abbiamo fatto al governo della Regione Piemonte e quello che stiamo facendo oggi a livello politico, verrà apprezzato sempre di più dai cittadini, ne sono convinto.

Buona domenica e buona settimana

LA DOMENICA DI ROBERTO COTA N. 13

Ho letto sui giornali che è possibile che ci siano delle irregolarità nelle liste a sostegno di Chiamparino. Vedremo, si dovranno accertare le cose.
Leggi tutto: Necessario parlare di industria e lavoro Quello che posso dirvi è che il primo tema da affrontare quando si parla di Giustizia è quello di eliminare la cosiddetta doppia morale o doppio binario. Non sono di certo alla ricerca di vendette perchè sono una persona normale che vuole guardare avanti.

Ciò che mi preoccupa adesso è la situazione di un territorio che ha una vocazione industriale e dove invece le aziende chiudono perchè c'è una pressione fiscale che arriva da Roma e che rende impossibile alle aziende competere. Le cose non stanno migliorando, ma peggiorano.
Di questo è necessario parlare, che i media ne parlino, perchè quando si ferma il motore e la macchina non va più, prima o poi, devono scendere tutti.
Buona domenica e buona settimana.

LA DOMENICA DI ROBERTO COTA N. 11

Le riforme sono un passo importante per l'ammodernamento del Paese. Oggi abbiamo un sistema istituzionale che non è al passo con i tempi. In particolare, abbiamo un Parlamento composto da mille persone, con due Camere che fanno esattamente le stesse cose. Una struttura così elefantiaca da rendere difficile dare risposte in tempo reale ad un mondo esterno che ha fame di competitività. Bisogna ridurre il numero dei parlamentari, differenziare il ruolo e le competenze di Camera e Senato, dare una rappresentanza agli interessi dei territori, dare alle Regioni una vera autonomia ed introdurre un procedimento legislativo più snello. Renzi dice di voler fare le riforme, la Lega non si è mai tirata indietro nel lavoro parlamentare. Vedremo se e in che modo il Presidente del Consiglio passerà dalle parole ai fatti. Nel fare un po' di storia politica di questi anni dobbiamo però dire che di tutto questo si discute da molto tempo e che la Lega le  riforme le ha sempre portate avanti. Non a parole, ma facendo approvare, ad esempio, la devolution ed il federalismo fiscale. Chi oggi sta al governo, invece, le ha bloccate in ogni modo.

Buona domenica e buona settimana.   
 
 
Sei qui: Home Rubriche Domenica di Roberto Cota